L'Osteopatia

È una medicina classificata tra le medicine non convenzionali. Condivide con la medicina convenzionale gran parte delle conoscenze medico-biologiche ma utilizza un sistema diverso per la valutazione del paziente. La valutazione osteopatica mette in evidenza eventuali disfunzioni, distretti corporei con restrizione dei movimenti fisiologici, da cui possono originare le più comuni manifestazioni cliniche che interessano il sistema muscolo-scheletrico e gli altri apparati. L’osteopata utilizza metodiche manuali, avendo come obiettivo la normalizzazione eziologica e non sintomatica delle disfunzioni della persona. Non esprime giudizi diagnostici né consigli terapeutici tradizionali. Non prevede in alcun caso la prescrizione di farmaci.

Si tratta di una pratica che non mira a sopprimere un sintomo, ma tende al potenziamento delle strutture corporee in modo da esaltare la loro capacità di recuperare lo stato di salute e consentire al paziente un riequilibrio generale. Non si rivolge al sintomo e, avendo come principio di base la ricerca dalla causa delle varie manifestazioni cliniche, rappresenta un valido strumento nell’ambito della prevenzione.

I principi fondamentali dell’osteopatia

  • Intendere il corpo come un’unica entità funzionale, capace di recuperare e mantenere lo stato di salute
  • Non nuocere
  • Trattare la persona e non la malattia
  • Focalizzare il trattamento sulla causa e non sugli effetti